”POLIZZI. I GIORNI E LE OPERE”: Il Maestro Franco Polizzi in mostra a Ragusa

FACEBOOK
TWITTER
GOOGLE
http://palermo.spazioblog.it/2013/03/23/polizzi-i-giorni-e-le-opere-il-maestro-franco-polizzi-in-mostra-a-ragusa/
EMAIL

 

 

È un omaggio alla sua terra natia la mostra che l’artista Franco Polizzi realizzerà a Ragusa nella suggestiva cornice dello storico Palazzo Garofalo, dal 23 marzo e fino al 13 aprile. L’esposizione è curata dal critico Elisa Mandarà e proporrà quaranta opere ad olio della più recente produzione polizziana, cui si affiancheranno anche alcuni pezzi storici. L’artista, tra i fondatori del Gruppo di Scicli (assieme a Piero Guccione, Franco Sarnari, Sonia Alvarez e Carmelo Candiano), presenterà veri e propri inediti che non hanno finora seguito i consueti circuiti nazionali e internazionali degli altri suoi lavori e che dunque saranno esposti per la prima volta al pubblico proprio nei luoghi da cui trae spesso ispirazione. Un’ispirazione che la Mandarà sottolinea così: «La partita della sua pittura egli gioca nel suo spazio vitale – il mare, la campagna, l’altopiano, il colle, il terrazzo privato – spazi che nelle composizioni appaiono e poi scompaiono, prima indagati, scavati, poi dilatati in visioni panoramiche che debordano sempre dal finito, fisico e immaginativo».

 

”Polizzi. I giorni e le opere” è la fascinosa etichetta dell’esposizione. «Abbiamo scelto questo titolo – spiega la Mandarà – con l’intenzione di invertire il celebre binomio esiodeo, anteponendo, in metafora, i giorni, ”Hemérai”, alle opere, ”Erga”. Non ha intenti didascalici il ‘poema’ di Polizzi, ma a una via precisa dell’arte addita il nostro pittore, che affida il progresso e il riscatto del mondo dalla decadenza nel brutto a una concezione dell’arte come espressione totale. Gli è propria questa qualità di lavoro, in quanto artista dotato dell’occhio interiore che gli consente di sorvolare sulla buccia delle apparenze, di trovare, in un lacerto di cielo come in un grano di paesaggio, la verità essenziale, di tradurla e quindi sublimarla in una visione sintetica e, in molti passi della sua produzione, anche simbolica. Le opere di Polizzi sono sempre la trasmissione sofferta di un messaggio estetico e morale, l’affermazione di un sentimento artistico e intellettuale alto e forte. Nascono dalle giornate misurate con le ore di luce, nella battaglia strenua e costante ingaggiata col particolare centimetro della tela, coi suoi rapporti con l’infinito, dischiuso dal balcone visuale e spirituale dal quale s’affaccia ogni giorno il suo estro creativo».

 

La lunga carriera dell’artista nato a Scicli è un raffinato percorso, che lo ha portato ad essere presente nelle più importanti esposizioni nazionali e internazionali. Tra queste la X Quadriennale d’Arte di Roma, dove ha esposto più volte al Gabbiano, galleria centrale della capitale, o la Biennale di Venezia. Tra le mostre internazionali vanno ricordate Art Exposition Chicago, Fiac di Parigi e Basilea. Lo hanno ospitato gallerie prestigiose, tra cui la Forni di Bologna, la milanese Bergamini, la Bernarducci-Meisel Gallery di New York. Nel 1999 l’opera ”Torretta degli Iblei” è stata acquistata dalla Camera dei Deputati e dal 2003 l’opera ”Luce dentro” è ospitata dal Senato.

 

A corredo della mostra si sta realizzando un catalogo con il testo critico della curatrice Elisa Mandarà, le foto di Gianni Mania, il progetto grafico di Emanuele Cavarra. La serata inaugurale è prevista per le ore 19 del 23 marzo. Al vernissage partecipa con gentile contributo la rinomata Azienda Planeta, che sarà presente con i suoi pregiati vini. Sponsor che sostengono il progetto culturale sono la Cora Banche, la Banca Agricola Popolare di Ragusa, la Galleria Dir’Arte. Collabora all’iniziativa, nella promozione dell’evento, anche il Centro Studi Feliciano Rossitto.

 

Descrivendo la splendida personalità artistica di Franco Polizzi, Elisa Mandarà ha scritto: «Quanto il pittore ci offre è un viaggio. Attraverso una galleria di opere che compendiano la cifra speciale dell’artista, la sua ispirazione paesaggistica fondamentale isolana, per cui Polizzi raggiunge un grado sempre elevato di saturazione cromatica e luministica, tramite una luce sontuosa, che pervade di straordinaria potenza espressiva la natura. Uno studio della chiarità, dell’infinita varietà della luce solare, degli spostamenti brevi negli intervalli minimi interni alla liturgia del giorno. Luce già magneticamente traboccante di riflessi e riverberi, scomposta o totale, che penetra la scena, anche nei dettagli indispensabili di cui è tante volte affollata. Luce energica, ma che sa piegarsi duttile nelle modulazioni intimiste, nostalgiche, nella medietà delle attese e dei riflessi, in una ricerca ultima di armonia, di felicità. In questa natura i suoni che ci conquistano sono quelli d’una sinfonia, originata da una urgenza vitalistica che trova compiuta espressione nella tensione al colore puro, e complessa pure nella orchestrazione dei tempi sui quali Polizzi posa le sue favole».

 

la mostra è curata dal critico Elisa Mandarà
credits fotografico Gianni Mania
ufficio stampa
MediaLive


Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.