Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica: rinnovata la delegazione siciliana

FACEBOOK
TWITTER
GOOGLE
http://palermo.spazioblog.it/2008/05/30/associazione-italiana-della-comunicazione-pubblica-rinnovata-la-delegazione-siciliana/
EMAIL

 

                                                                                         

 

Il 29 maggio gli iscritti siciliani dell’associazione italiana di comunicazione pubblica ed istituzionale si sono riuniti a Catania, presso la sede della Facoltà di Lettere dell’Ateneo, per eleggere la nuova delegazione regionale che opererà in Sicilia per il prossimo triennio 2008 – 2010.

E’Rosaria la nuova delegata regionale, responsabile dell’URP dell’ASL 3 di Catania. Ad impegnarsi con Lei nel valorizzare l’operato dell’Associazione in Sicilia i membri:

Giovanna Beccalli (Feluca S.p.A. Messina)
Walter Cavanna (Comune di Vittoria)
Michele Calascibetta (Provv.Studi di Trapani)
Luigi De Luca (VV.FF.Comando di Catania)
Giuseppe La Rocca (studente in Scienze della Comunicazione)
Marina Mancini (Responsabile Ufficio Stampa e portale web del Comune di Bagheria)
Eugenia Parito (Università di Catania)
Giovanni Proietto (Comune di Delia)
Angela Rabbito (Ist.Sup.di Lentini)
Giusy Rubino (Comune di Melilli)
Antonio Tavilla (Università di Messina)
Filippo Trupia (Ospedale Civico di Palermo)

Alla riunione erano presenti i consiglieri nazionali Lino Buscemi e Francesco Pira ed il delegato uscente Giuseppe Candura. Ha introdotto i lavori Francesco Pira sottolineando la necessità di non essere più presenti in associazione nominalmente ma fattivamente soprattutto in questo particolare momento dell’Associazione e davanti ai ritardi siciliani nella applicazione della Legge 150/2000. ”E’ una delegazione forte quella che è stata nominata oggi” – dichiara Pira – ”che rappresenta le tante anime che operano con grande volontà nel campo della comunicazione dell’Isola”. ”La qualità degli iscritti siciliani all’associazione è di pregio” – ha esordito il consigliere Buscemi – ”un target di riferimento sufficiente per elaborare progetti validi e sui quali rilanciare l’associazione”. Non bisogna essere soddisfatti dall’assunto ”pauca sed bona” (pochi ma buoni – continua Buscemi – da questo invece occorre ripartire per rilanciare l’associazione in una Regione ancora sorda e poco sensibile ai temi della comunicazione e dell’informazione. Buscemi ha poi sottolineato la necessità di una ricognizione in Sicilia della presenza e della operatività delle strutture di comunicazione ed in particolare degli URP (Uffici Relazioni con il Pubblico) e alla verifica della presenza all’interno di questi uffici, di figure professionali adeguate, sottolineando anche il disinteresse da parte delle organizzazioni sindacali. Dopo un ampia e accesa discussione che ha visto i soci siciliani presenti essere pronti a proporsi con nuove idee e superare le difficoltà sinora incontrate, ha relazionato il delegato uscente Giuseppe Candura, che proprio su quelle difficoltà ha incentrato il suo intervento, evidenziando anche che tra i soci presenti alla riunione vedeva comunque un rinnovato interesse. Dopo la votazione Francesco Pira, che come consigliere nazionale ha avuto il mandato di far eleggere entro il 31 maggio la nuova delegazione siciliana, ha augurato un buon lavoro alla delegazione invitandola ad aprire un dialogo con le Università, gli Enti Pubblici ed i tanti studenti di Scienze della Comunicazione che sperano di poter avere un futuro nella comunicazione pubblica, speranza che deve essere concretizzata anche grazie all’operato dell’associazione italiana di comunicazione pubblica ed istituzionale attraverso il lavoro di tutte le delegazioni. La delegazione siciliana – per bocca della delegata Rosaria Caltabiano – ha già promesso di essere una realtà che avrà peso non solo a livello regionale ma anche a livello nazionale, cercando di avviare un rilancio delle attività di comunicazione e della visibilità dell’associazione da subito, impegnandosi ad allargare la rosa dei soci, a censire la presenza degli URP in Sicilia e soprattutto a fare rete tra tutti gli iscritti.

 

Fonte: Ufficio Stampa – Ass. Italiana Com. Pubblica e Istituzionale


 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.