‘DE RISUS NATURA’: a Cefalù, Momò Calascibetta

FACEBOOK
TWITTER
GOOGLE
http://palermo.spazioblog.it/2007/08/05/de-risus-natura-a-cefalu-momo-calascibetta/
EMAIL

di Loredana Mannina

                                                     

 

”..”Il Mandralisca non è il MoMA di New York”, così  esordisce Momò Calascibetta parlando di se stesso e della mostra, ma è proprio da questa piccola ma importante realtà museale e dal Ritratto d’uomo di Antonello che parte la sua esperienza e la sua formazione visiva e culturale che lo ha portato dal 1975 ad oggi a cambiare spesso pelle e anche punti di vista ma mai l’identità e l’uso, nella sua affermazione e nella sua negazione, del sorriso e dell’ironia. La modernità e l’universalità dell’arte di Antonello da qualsiasi luogo si irradi, se periferia o centro del mondo, mantiene intatto il potere espressivo ed estraniante delle figure ritratte nei limiti della loro umanità , indagate e spesso derise in questo affascinante e universale gioco psicologico tra il ritratto e colui che lo ritrae. L’opera dell’artista satirico e grottesco Momò con il suo approccio alla realtà attraverso lo sguardo impietoso dell’ironia, strumento di denuncia sociale ma nello stesso tempo distacco e potenzialità estrema di lettura e giudizio dei limiti dell’uomo, è prova del perpetuarsi e del rinnovarsi del messaggio di Antonello da Messina nell’espressione artistica contemporanea. I toni satirici sottolineati da colori in contrasto, vivaci e carichi di vita, dalle figure studiate e definite da miriadi di segni, stordiscono e stupiscono suggerendo diversi piani di lettura, aprendo a particolari infiniti. Ogni opera crea un mondo parallelo in cui la figura umana è rappresentata sempre con i toni satirici dell’eccesso espressi dalla mole delle figure, dalla caratterizzazione dei volti e dagli sfondi delineati da un volutamente eccessivo virtuosismo del segno. L’evento espositivo, comprendente ventisei opere pittoriche e due sculture realizzate da Momò Calascibetta dal 1975 al 2007, nella sala mostre all’interno del percorso museale permanente della Fondazione Mandralisca, affronta il tema del sorriso nei suoi molteplici aspetti: il sorriso dei potenti, dei carnefici, dei gaudenti, della gioia ma anche il sorriso negato dei bambini indifesi nei disastri della guerra e nelle discariche del mondo ‘raccontato dalle fogne fino al cielo stellato” creando un dialogo ideale e reale con il capolavoro Antonelliano”. (Tratto dal catalogo a cura di Stefania Randazzo).

 

****************************************

 

Il Museo Mandralisca di Cefalù propone ai suoi frequentatori un percorso artistico e culturale da vivere insieme. Quest’anno, per i suoi contenuti e le sue evocazioni, il percorso ha per titolo: ”Il sorriso e l’ironia”. E’ proprio all’interno di questo contesto, così saldamente legato al sorriso del ”Ritratto d’uomo” di Antonello da Messina, e all’ironia con cui esso accoglie chi varca la soglia del Palazzo Mandralisca, che viene a inserirsi, con assonanze e distanze, la mostra ”De risus natura”, dell’artista Momò Calascibetta. In quello stesso spazio fisico che accoglie antiche collezioni e ritratti d’antenati che ci osservano dall’alto, privi di sorrisi. Insieme all’artista sarà presente all’inaugurazione lo scrittore Vincenzo Consolo, autore de’ ‘ il sorriso dell’ignoto marinaio’.

Dall’11 agosto al 30 settembre 2007, presso la Fondazione Culturale Mandralisca, via mandralisca n.13 – Cefalù. Vernissage: 11 agosto 2007 ore 20.00 – orari 09.00-17.30 – chiuso il mercoledì – ingresso libero. Per info Tel/Fax: 0921.421547 – info@museomandralisca.it


Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.