I Love Sicilia: da oggi in edicola il nuovo numero

FACEBOOK
TWITTER
GOOGLE
http://palermo.spazioblog.it/2007/03/30/i-love-sicilia-da-oggi-in-edicola-il-nuovo-numero/
EMAIL

di Loredana Mannina

                                                                                 

 

Due palermitani ai vertici del Quarto Potere italiano. Antonello Perricone e Angelo Sajeva, al timone rispettivamente di Rcs e del gruppo La Stampa, sono i protagonisti della copertina dell’ultimo numero di I love Sicilia, il mensile di stili, tendenze e consumi in edicola da oggi venerdì 30 marzo ed in abbinamento col Giornale di Sicilia. I due manager palermitani raccontano le loro ”vite parallele”. Antonello Perricone, amministratore delegato del gruppo editoriale Rcs Mediagroup dal luglio scorso e nipote del grande presidente del Palermo Renzo Barbera, rivendica con forza il suo essere siciliano. A Rcs Perricone è arrivato lasciando  la guida del gruppo editoriale di casa Fiat a un altro palermitano, Angelo Sajeva, al quale è legato da un’amicizia di lunga data. Amministratore delegato di Itedi (la società editoriale e di comunicazione del Lingotto), AD della Editrice La Stampa, numero uno di Publikompass, la concessionaria pubblicitaria del gruppo, Sajeva è un ingegnere meccanico dalle spiccate capacità manageriali, che ha cominciato la sua ascesa professionale in Publikompass. Sotto la sua guida, il quotidiano torinese La Stampa ha realizzato un restyling da 100 milioni di euro. In questo numero di I love Sicilia anche un articolo firmato da Michele Guardì. Il popolare regista e autore televisivo della Rai parla dell’Agrigento del dopoguerra, descrivendo luoghi e personaggi del tempo e raccontando un aneddoto legato ai bombardamenti della seconda guerra mondiale.Tra i tanti ritratti di siciliani più o meno noti raccontati sulle pagine di I love Sicilia, c’è anche l’ambasciatore palermitano Paolo Pucci di Benisichi, segretario generale della Farnesina.  Dove nella sua stanza dei bottoni coordina l’azione di 130 ambasciate, 600 consolati e 90 istituti di cultura.


Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.